Metodi
Nessun commento

Internet of Things è un neologismo nato dall’esigenza di dare un nome agli oggetti reali connessi ad internet. IoT è anche un semaforo che regola il traffico in modo intelligente o un ponte che trasmette dati sul suo stato di salute e al superamento di una soglia predefinita attiva un allarme, ovvero oggetti che, collegati alla rete, permettono di unire mondo reale e virtuale.

Con IoT si indicano un insieme di tecnologie che permettono di collegare a Internet qualunque tipo di apparato. In ambito infrastrutturale lo scopo di questo tipo di soluzioni è sostanzialmente quello di monitorare, controllare e trasferire informazioni utili per svolgere azioni conseguenti.

schema IoT

In sintesi, con un sensore IoT è possibile:

  1. rilevare e comunicare più tipologie di dati;
  2. effettuare un primissimo livello di elaborazione a livello locale per trasferire solo quei dati che corrispondono a determinati requisiti;
  3. effettuare un primo livello di selezione e compiere azioni in funzione di indicazioni ricevute;
  4. rilevare e selezionare dati quindi trasmettere solo quelli necessari per effettuare azioni sulla base delle indicazioni ricevute e/o di effettuare azioni in funzione di una capacità elaborativa locale.

Ma cosa può essere misurato in ambito infrastrutturale con i dati rilevati? Alcuni esempi di parametri misurabili sono:

  • temperatura dell’aria;
  • umidità;
  • immagini da videocamere;
  • stati tensionali;
  • rotazioni;
  • cedimenti;
  • spostamenti;
  • accelerazioni;
  • vibrazioni;
  • impatti;
  • potenziale elettrico;
  • conteggio automezzi

… e molti altri parametri. I dati forniti dai sensori possono essere trattati statisticamente per generare analisi di tendenza finalizzate a previsioni manutentive oppure possono attivare dispositivi di regolazione del traffico; ad esempio la eventuale rottura di un trefolo di precompressione attiverà in modo manuale o automatico una specifica segnalazione nella centrale operativa del gestore che prenderà le decisioni più opportune.

Con i Sensori IoT si è aperta una nuova era per il controllo infrastrutturale e per la sicurezza stradale. Le tecnologie impiegate da Metra Lab nell’utilizzo dei sensori hanno consumi molto ridotti e usano batterie al litio che permettono una durata di 10 anni.

Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *